Parametri di carica/scarica SKY RC MC 3000

Nimh..LiPo...LiIo.....ecc.....
Rispondi
Gallico
Messaggi: 4
Iscritto il: 31/07/2020, 20:23

Parametri di carica/scarica SKY RC MC 3000

Messaggio da Gallico » 31/07/2020, 21:12

Ciao a tutti.

Allora, anche se mi sono appena registrato, è un po' che vi seguo. Tant'è che mi avete già fatto fare l'acquisto intelligente... :asd:

Ho letto con attenzione la discussione che lo riguarda ma non ho trovato risposta, se non in modo parziale. E anche facendo una ricerca le informazioni sono frammentarie.

Quindi vista la reputazione del prodotto, ho pensato di aprire questa discussione con lo scopo specifico di chiedere quali sono i parametri consigliati o per lo meno le basi da cui partire per non rovinare le batterie al primo tentativo, di carica e scarica dei più comuni formati...

Fatta questa premessa, quindi, quali sono secondo voi, per iniziare, le impostazioni per le modalità Charge, Refresh, Discharge delle batterie AA e AAA (Entrambe Enerloop Pro ma credo che poi con piccole variazioni vadano bene per tutte) e le 18650 3500 mAh (Tipo Nitecore NL1835HP)

Poi se qualcuno volesse contribuire inserendo i valori che utilizza con specifiche batterie, o le sue esperienze, male non fa...

Tipologia di chimiche supportate
  • NiMh
  • NiCd
  • NiZn
  • Eneloop
  • Lithium-Ion
  • Lilo 4,35
  • LiFePO4
  • RAM
Tipologia di "MODE" disponibili
  • Charge: carica con amperaggio compreso tra 0,05 e 3,00A per singolo canale
  • Discharge: scarica a livello impostabile
  • Storage: per lo stoccaggio a lungo tempo delle LiIon
  • Break in: procedura in standard industriale per la determinazione della capacità reale della cella
  • Refresh: un ciclo completo di carica -> scarica -> carica
  • Cycle: come sopra ma iterato a piacere
Riporto per comodità qui di seguito i parametri (SPV - Slot Programming view) presenti nella modalità “Advanced” (Che variano un pochino in base al "MODE" scelto...)

Grazie a tutti

PROGRAM [01]
BATT TYPE:
MODE:
CAPACITY:
C. CURRENT:
D. CURRENT:
C. RESTING:
D. RESTING:
CYCLE COUNT:
CYCLE MODE:
TARGET VOLT:
TERMINATION:
DELTA PEAK:
RESTART VOLT:
D-REDUCE:
CUT VOLT:
CUT TEMP:
CUT TIME:
TRICKLE C.:
TRICKLE TIME:
SAVE TO:

Avatar utente
Steve1960
Messaggi: 2510
Iscritto il: 31/10/2015, 14:59
Località: Roma

Re: Parametri di carica/scarica SKY RC MC 3000

Messaggio da Steve1960 » 02/08/2020, 19:40

Caspita 200 visite e nessuna risposta... :14: :14: :14:

Prima cosa che il refresh non serve per le LiIon anzi è dannoso... :incomprensione:

Seconda cosa il refresh per le NiMh è un "consumo" di corrente e uno stress per il charger, per lo più "inutile", se le NiMh sono buone con lo Sky Rc Mc 3000 le carichi bene e non le rovini, quindi se le NiMh che avevi prima le caricavi con un charger "giocattolo", probabilmente le hai già rovinate, se non lo hai fatto, è andata bene e quindi non serve il refresh, risparmia 36 ore di corrente, che non la regalano, a conti fatti magari spendi meno a comprarle nuove, che a "rinfrescarle"... :incomprensione:

Riguardo i parametri di carica, per le LiIon va bene 1/2 di C, quindi a seconda della cella che inserisci fatti i conti e regola l'erogazione di conseguenza, per una cella LiIon da 3500 mAh "nominali", dato che la maggior parte dei valori riportati sulle "bucce" delle celle, sono valori "arrotondati", regolati di conseguenza, per sicurezza, "arrotonda" al millesimo inferiore, per esempio 3500 considera 3000, 2600 considera 2000 e così via, dividi per 2 quindi ottieni 1500 e 1000, imposti per la 3000 1,5 A e per la 2000 1,0 A, come tensione di "taglio" 4,2 V, con fine carica quando l'assorbimento arriva a 0,10 A, i primi tempi, alle prime ricariche di una cella, per "sicurezza", imposta una temperatura di taglio di 45 gradi e un tempo di taglio di 180 minuti, (valori comunque già impostati per default) se la cella è "buona" non ci arriverai mai, in ogni caso "Melius est abundare quam deficere", alla fine della carica "leggi" i valori di fine carica, con particolare attenzione alla resistenza della cella, è un parametro per valutare lo stato di "salute" della cella, valori sotto i 100 milliohm sono ottimali, più è alta la resistenza della cella, tanto è più vicina alla fine dei suoi giorni da batteria... :stralol:

Il dato relativo alla "capacità" non è quello "reale", bensì è riferito alla "capacità" erogata alla cella durante la carica, i valori "nominali" di capacità di una cella, sono "ascritti" in funzione del voltaggio da cui è partita la carica, nessuno "volutamente" scarica la cella fino ai 2 V "canonici, anche perché a lungo andare, la chimica della cella "degenera" più velocemente, i 500 "cicli" dichiarati nelle LiIon sono "buoni" per scariche e ricariche "medie", cioè senza raggiungere la tensione minima e massima a ogni ciclo, comunque meno si va al minimo e meglio è, diciamo che è "saggio" non scendere mai sotto i 3/3,2 V, meglio portare la "famosa" cella di riserva (backup), che "strippare" la cella principale... :14:

Un'altra cosa da guardare, è anche la tensione bersaglio e la tensione effettiva a fine carica, per esempio imposti 4,2 V ottieni 4,18 V effettivi, più si distanzia la tensione effettiva da quella bersaglio, più la cella ha una chimica "inefficiente", se poi la resistenza interna è alta, usa la cella in utilizzatori di "scarse" pretese, viceversa se la tensione effettiva è uguale (difficile) o molto prossima a quella bersaglio e la resistenza è inferiore a 100 milliOhm, puoi usare la cella in utilizzatori "voraci", fatta salva la eventuale capacità di scarica richiesta dall'utilizzatore... :14:

Un discorso analogo lo possiamo fare per quanto concerne le MiMh, prendendo come valido il valore di 1/2 di C per le celle da 2000 mAh in su, utilizziamo 1 A di carica, tra 1000 e 2000 mAh utilizziamo da 0,5 a 1 A, per quelle sotto i 1000 mAh, come per esempio le Eneloop Pro AAA da 900 mAh usiamo 0,4 A, per le AAA meno "pregiate", per sicurezza, userei la regola dell'1/3 di C, esempio, per una cella che si "spaccia" da 900 mAh, utilizzerei al massimo 0,3 mAh, ma sempre per sicurezza, la prima volta che la carichi, ci darei ogni tanto un occhio, per vedere come "butta" la situazione, se tutto va bene, poi non ce n'è più bisogno... ;)

Dopo gli ampere, bisogna impostare 2 "valori" cruciali, la tensione bersaglio e il delta peak, puoi "lasciarli" come da default, ovvero target Volt 1,65 V e delta peak 3 micro Volt, non ti spaventare degli 1,65 Volt se la cella è in buone condizioni, il delta peak interromperà la carica molto prima di quella soglia, intorno ai 1,51/1,52 V alcune AA Eneloop Pro al top della forma arrivano anche a 1,53/1,54 V, a volte anche "qualcosina" di più, anche qui poi c'è il taglio in funzione della temperatura raggiunta, aggiungo che la misurazione della temperatura della cella è molto preciso, quindi è praticamente impossibile "surriscaldare" la cella, oltre la temperatura di taglio impostata, di default a 45 gradi, se dovesse andare oltre quella temperatura interviene il temperature/cut... :14:

Ribadisco, la precisione e la cura, con cui questo charger "tratta" le celle, è inarrivabile da qualsiasi altro charger in commercio, tutti i parametri sono "personalizzabili", una delle poche mancanze che ha, è nella impossibilità di fare il backup delle impostazioni, quindi l'importante è spegnerlo a ogni fine carica, meglio metterlo "sotto" interruttore, in modo da non dover sempre staccare la spina, così facendo si è sicuri che a ogni "riaccensione" è tutto memorizzato come lo abbiamo lasciato, uno spegnimento "anomalo", dovuto a una mancanza di corrente improvvisa, in alcuni casi può portare alla cancellazione di parametri impostati... :ok:
Meglio una torcia oggi che il buio domani...

Gallico
Messaggi: 4
Iscritto il: 31/07/2020, 20:23

Re: Parametri di carica/scarica SKY RC MC 3000

Messaggio da Gallico » 03/08/2020, 19:56

Piuttosto che fare confusione, una risposta, ma fatta bene... ;)
Be' intanto grazie delle delucidazioni!!!

Fino ad oggi, e da diversi anni, utilizzavo il BC-1000. Non sono in grado di giudicare la qualità del prodotto, io mi sono trovato bene e il suo lavoro l'ha sempre fatto. Gestiva solo le AA e AAA.
Indifferentemente dalla capacità della batteria caricavo a 200 mA e ogni tanto facevo un ciclo di scarica (a 100 mA) e ricarica (a 200 mA). Nessun parametro configurabile a parte la tensione di carica\scarica;

Tornando al MC3000:

Ho alcuni dubbi che vorrei chiarire.
Escludendo il "Refresh"che palesemente sconsigli, ma un ciclo di scarica/carica è dannoso? Ogni tanto può essere utile o non c'è mai la necessità di farlo? Quali sono i rischi?
Avevo già fatto questo programma per le AA da 2500mAh e uno fac-simile per le LiIon
MODE: Cycle
CAPACITY: 3000mAh
C. CURRENT: 0.50A
D. CURRENT: -0.25A
C. RESTING: 120min
D. RESTING: 60min
CYCLE COUNT: 1
CYCLE MODE: D->C
TARGET VOLT: 1.65V
DELTA PEAK: 3mV
TRICKLE C.: OFF
TRICKLE TIME: OFF
RESTART VOLT: OFF
D-REDUCE: OFF
CUT VOLT: 1.00V
CUT TEMP: 45C
CUT TIME: OFF

E in linea di massima, si possono usare erogazione inferiori a 0.5C, a parte tempi di ricarica più lunghi, c'è il rischio di rovinare le batterie?




Provo a riassumere i punti chiave di quanto hai detto:

Per controllare i milliohm, come da manuale, a celle inserite ma non in carica premo insieme "Freccia su e freccia giù".
Se è sotto i 100 sto sereno, se è sopra, meglio valutare la sostituzione!
Per il valore "CAPACITY" ho inserito, come da manuale, la capacità dichiarata, aggiungendo il 20%.

Per la carica (Charge) delle NiMh (Eneloop AA Pro dichiarate 2500mAh); Valore di carica "0.5C"
BATT TYPE: NiMH
MODE: Charge
CAPACITY: 3000mAh
C. CURRENT: 1.00A
D. CURRENT: OFF
C. RESTING: 0min
D. RESTING: OFF
CYCLE COUNT: OFF
CYCLE MODE: OFF
TARGET VOLT: 1.65V
DELTA PEAK: 3mV
TRICKLE C.: OFF
TRICKLE TIME: OFF
RESTART VOLT: OFF
D-REDUCE: OFF
CUT VOLT: OFF
CUT TEMP: 45C
CUT TIME: OFF

Per la carica (Charge) delle NiMh (Eneloop AAA Pro dichiarate 930mAh); Valore di carica "0.5C" (Per una carica su celle "scarse" possibile usare un più conservativo 1/3 C)
Tutto come sopra a parte:
CAPACITY: 1200mAh
C. CURRENT: 0.40A

Ora passando alle LiIon considerando una da 3500mAh; Valore di carica "0.5C"
BATT TYPE: LiIon
MODE: Charge
CAPACITY: 4200mAh
C. CURRENT: 1.50A
D. CURRENT: OFF
C. RESTING: 0min
D. RESTING: OFF
CYCLE COUNT: OFF
CYCLE MODE: OFF
TARGET VOLT: 4.20V
TERMINATION: 0.10A
RESTART VOLT: OFF
D-REDUCE: OFF
CUT VOLT: OFF
CUT TEMP: 45C
CUT TIME: 180min

Grazie di nuovo!!!

Avatar utente
Steve1960
Messaggi: 2510
Iscritto il: 31/10/2015, 14:59
Località: Roma

Re: Parametri di carica/scarica SKY RC MC 3000

Messaggio da Steve1960 » 04/08/2020, 17:02

Per quanto concerne le LiIon, il "refresh" è inutile per via della chimica, che costituisce il "pacchetto energetico" della cella, dannoso nella misura in cui, ti giochi "inutilmente", uno o più cicli di carica e scarica, di quelli "pattuiti" al momento dell'acquisto, giù per su, le case "garantiscono" 5 anni di vita utile e per meglio dire 500 cicli di carica e scarica, quindi dato che la chimica non se ne giova, la scarica è meglio farla utilizzando la torcia, senza scendere sotto i "fatidici" 3 Volt, consigliati un po' da tutti, anche se la cella è in grado di raggiungere i 2 Volt, il problema, oltre allo stress "inutile" alla cella, è che alcuni charger, potrebbero non riconoscere la cella, per via del basso voltaggio e quindi non la ricaricherebbero, per esempio lo SKY RC MC 3000, non ha una funzione tipo lo 0 charge degli xtar e quindi, devi prima dargli un po' di "bumba", in qualche maniera e poi sopra i 3 Volt ci pensa lo SKY RC MC 3000... :asd:

Per le NiMh il discorso è un attimino diverso, le celle se non sono utilizzate, si "impigriscono" o meglio è la chimica che lo fa, quindi un procedimento di carica/scarica/carica a 1/10 di C, "riattiva" in un certo senso la chimica, se le NiMh vengono usate di frequente almeno una volta ogni paio di mesi, non è necessario "rinfrescarle", se le celle sono vecchie, la corrente da usare per "rinfrescarle", alla fine avendo un costo, conviene "relativamente", specialmente se le NiMh hanno prestazioni "palesemente" più scarse di quando erano nuove, le cestini e prendi uno o più set nuovi... :14:

A fine carica sia nel caso delle LiIon che delle NiMh, puoi leggere il valore della resistenza interna della cella, o meglio dell'impedenza "media" che la corrente ha avuto durante il processo di carica, l'impedenza va misurata durante tutto il processo di carica, non prima, perché la resistenza varia al variare della temperatura e dell'assorbimento, quindi misurarla a cella fredda e scarica lascia il tempo che trova, viceversa un valore ottenuto alla fine di tutto il processo di carica, da un'idea più vicina al reale stato di "salute" della cella, sotto i 100 milliOhm abbiamo una cella in ottima forma, in quel caso una NiMh non ha alcun bisogno di refresh, se ne troviamo una che ha 500 milliOhm di resistenza, la puoi "rinfrescare" quanto vuoi, ma sempre agli "sgoccioli" è, meglio non usarla in utilizzatori "voraci", perché potrebbe surriscaldarsi al punto tale di essere "pericolosa", specialmente in un contenitore a tenuta stagna... ;)

Usare amperaggi inferiori a 1/2 C nel caso delle LiIon durante la carica non le danneggia, si allunga solo il tempo di carica, con un trascurabile "spreco" di corrente in più, nel caso delle NiMh, invece potrebbe influire sulla corretta "interpretazione" del delta peak, quindi oltre ad allungare "inutilmente" il processo di carica, che è sempre uno spreco di corrente, la cella rimarrebbe per un tempo maggiore a temperature elevate, che bene non gli fa, in sostanza a 1/2 C si ha il giusto compromesso, tra tempo in cui la cella è sotto "ricarica", corrente usata per farlo e tempo adeguato se le celle da caricare sono tante, se ne carichi 4 alla volta poco importa, ma nel caso ne devi ricaricare una ventina, anche il tempo ha un suo perché... ;)

Per quanto concerne la capacità da impostare, per le LiIon va bene la "nominale", per esempio nel caso di una 3500 mAh, va bene mettere il valore di targa, nel caso delle NiMh, è meglio tenersi larghi di un 20%, come hai fatto tu, perché se la cella è particolarmente "scarica", ci può volere più corrente di carica, di quella nominale, il taglio alla temperatura va bene quello di default, il taglio temporale, io lo imposterei almeno a 180 minuti, specialmente nel caso di una NiMh, se a 1/2 di C non si carica in meno di 3 ore, vuol dire che la cella ha problemi e prima di farla incendiare o peggio, è meglio imporre un "limite" temporale alla carica, se il taglio temporale nella carica di quella cella diventa la "norma" è meglio buttarla e non ci si pensa più... :mrgreen:
Meglio una torcia oggi che il buio domani...

Gallico
Messaggi: 4
Iscritto il: 31/07/2020, 20:23

Re: Parametri di carica/scarica SKY RC MC 3000

Messaggio da Gallico » 04/08/2020, 21:13

Be' c'è poco da aggiungere. Mi sembra una spiegazione ben comprensibile e completa.

Ecco vedi il discorso dell'impedenza "media" mi era sfuggito. È stata un interessante precisazione. Quindi prima di toglierle, a carica completa, sarebbe buona abitudine buttare un occhio su questo valore. Vedrò di ricordarmelo.

In effetti il "CUT TIME" è una sicurezza in più che non costa nulla. Aggiungerò questo parametro ai programmi sullo Skyrc.

Mi ero appuntato, non ricordo dove l'ho letto, che una formula un po' cosi per calcolare il tempo LIMITE di carica (a spanne) può essere questa. Poi ovviamente dipende quanto è scarica la cella. Ma come mi hai confermato, oltre certi tempi già abbastanza abbondanti, si evince un problema alla batteria ..

CUT TIME per le NiMh
(capacità/corrente)*1.4
Cella da 2000mA caricata a 1A
(2000/1000)*1.4 -> 2.8 ore -> 2 ore 48 minuti.

CUT TIME per le LiIon
(capacità/corrente)+2 ore


Grazie di tutto
Buona serata

Avatar utente
Steve1960
Messaggi: 2510
Iscritto il: 31/10/2015, 14:59
Località: Roma

Re: Parametri di carica/scarica SKY RC MC 3000

Messaggio da Steve1960 » 05/08/2020, 8:42

In effetti la resistenza interna IR (l'impedenza è la somma delle resistenze dei vari componenti un circuito elettronico, il charger ne tiene "conto", in modo da fornire una misurazione della resistenza interna il più preciso possibile) la puoi "leggere" anche durante il processo di carica, in linea di massima a fine carica se la cella non è "problematica" la misurazione rimane comunque "stabile", un'altra cosa interessante da vedere è la temperatura durante la carica, se la cella non scalda molto vuol dire che non ha problemi e quindi anche la temperatura di sistema, si discosta poco da quella della cella, della corrente effettiva e di quella bersaglio già te lo avevo scritto sopra... :ok:

Per il resto tutto ok, se ci dovessero essere altri dubbi... :14:
Meglio una torcia oggi che il buio domani...

Rispondi