Perché Nitecore è Nitecore!

Parliamo qui di torce Inc e Led
Avatar utente
Giancarlo
Messaggi: 803
Iscritto il: 23/06/2013, 17:48
Località: Roma

Perché Nitecore è Nitecore!

Messaggio da Giancarlo » 23/12/2018, 13:04

Perché Nitecore è Nitecore! Osservate l'ordinata e razionalissima disposizione degli elementi! Ognuno dei 3 LED ha un proprio circuito indipendente e la piastra è di alluminio per una migliore conduzione del calore verso il corpo della torcia e quindi una migliore dissipazione.

Nitecore driver.jpg

Polezzz
Messaggi: 78
Iscritto il: 27/11/2015, 10:20
Località: Toscana

Re: Perché Nitecore è Nitecore!

Messaggio da Polezzz » 28/12/2018, 9:06

Il rame dissipa meglio dell'alluminio, l'argento poi....

Non a caso tutti i migliori dissipatore per pc usavano o usano il rame, solo pochissimi e costosi esempi di dissy placcati in argento. ;) Poi d'oro.....

bye
Thrunite TC10 V3 CW....in progress ;)

aldimeola81
Messaggi: 330
Iscritto il: 26/07/2011, 14:13

Re: Perché Nitecore è Nitecore!

Messaggio da aldimeola81 » 02/01/2019, 20:11

scusate se faccio il bastian contrario ma sinceramente dal punto di vista tecnico non è nulla di che, anzi, sembra una realizzazione economica, ad esempio le induttanze non sono nemmeno collegate al pcb con un qualche collante che impedisca agli stessi di vibrare fischiando e di staccarsi in seguito ad una botta, le saldature sono visivamente fatte a mano per i componenti PTH.. molto più da cineseria da 4 soldi che da laboratorio di serie A.

e questo mi conferma l'impressione che ho del brand dopo aver avuto tre torce nitecore che sono durate rispettivamente 3 mesi a testa con un uso intensivo (difetti meccanici-elettrici e difetti di logica come livelli che diventavano inutilizzabili)

spero non dia fastidio a nessuno il mio parere e ciao a tutti.

Avatar utente
Giancarlo
Messaggi: 803
Iscritto il: 23/06/2013, 17:48
Località: Roma

Re: Perché Nitecore è Nitecore!

Messaggio da Giancarlo » 03/01/2019, 3:25

Forse bisognerebbe dare un'occhiata ai circuiti di altre marche. Per me i migliori sono Fenix e Nitecore.

aldimeola81
Messaggi: 330
Iscritto il: 26/07/2011, 14:13

Re: Perché Nitecore è Nitecore!

Messaggio da aldimeola81 » 03/01/2019, 8:14

non ho mai aperto una fenix, posso dire che ad esempio tra il progetto nitecore e quello zebralight c'è una differenza di anni luce, tecnicamente parlando intendo.. dalla fresatura meccanica, modellazione 3d, pulsanti, lavorazioni, contatti, punti di usura, circuiteria avanzata e davvero miniaturizzata (altro che usare tre driver per pilotare 3 led risparmiando)..

Anche io ero convinto che nitecore fosse un buon prodotto prima di provare una zebra, e adesso sono alla quarta.. 3 sono ancora funzionanti dopo anni e le ho cambiate spesso per upgrade, non perchè obbligato da una morte prematura, le nitecore sono tutte finite nell'immondizia con mia somma delusione e nonostante i vani tentativi di farle resistere ancora qualche giorno in più.

poi sono sempre in ricerca di qualcosa ancora migliore e non mi paga certo zebralight, vinca il migliore.

credo che nitecore abbia un punto a favore rispetto a zebralight: il marketing moolto più avanzato (e ammetto che è una cosa basilare per la riuscita di un prodotto) ma da parte nostra credo si debba guardare più la sostanza..

Avatar utente
start90a
Messaggi: 3028
Iscritto il: 27/09/2014, 10:58
Località: UD

Re: Perché Nitecore è Nitecore!

Messaggio da start90a » 03/01/2019, 9:39

Non mi esprimo sulla qualità perché non ho le competenze per farlo. Dico solo che per giustificare una saldatura a onda dei PTH servono dei numeri perché sono da progettare e costruire i telai di sostegno e protezione degli SMD nonché l'ammortamento del macchinario...quindi vanno avanti con il forno e via. Tanto la loro manodopera costa poco!

aldimeola81
Messaggi: 330
Iscritto il: 26/07/2011, 14:13

Re: Perché Nitecore è Nitecore!

Messaggio da aldimeola81 » 03/01/2019, 13:17

start90a ha scritto:
03/01/2019, 9:39
Non mi esprimo sulla qualità perché non ho le competenze per farlo. Dico solo che per giustificare una saldatura a onda dei PTH servono dei numeri perché sono da progettare e costruire i telai di sostegno e protezione degli SMD nonché l'ammortamento del macchinario...quindi vanno avanti con il forno e via. Tanto la loro manodopera costa poco!
certamente ma ciò non è assolutamente sinomino di professionalità e competenza, sulla mia SC63W, quando ha smesso di funzionare a causa del dissaldamento del diodo led dopo non so quante ore di funzionamento, smontandola ho notato che usano la tecnologia ultra fine BGA con componenti microscopici, quindi qualcuno come la zebralight che mi pare sia una ditta molto più piccola della nitecore (almeno credo), ha standard nemmeno lontanamente paragonabili alla prima pur con un volume di affari nettamente minore.

E nel panorama attuale dove lo standard vincente è quello con il minor prezzo, queste cose vanno dette a mio parere.

Credo che il progetto americano sia il punto vincente della zebra, per contro nitecore è una cineseria che si è imposta sul mercato con buoni volumi di vendita ma conserva tutti i suoi difetti di gioventù e una progettazione carente e al risparmio.

Avatar utente
Giancarlo
Messaggi: 803
Iscritto il: 23/06/2013, 17:48
Località: Roma

Re: Perché Nitecore è Nitecore!

Messaggio da Giancarlo » 03/01/2019, 17:09

Come dicevo, ognuno parla secondo le esperienze che ha avuto. Io ho posseduto una Zebralight S6330 a tre LED e ho dovuto inviarla in riparazione per il flicker di un LED. Peraltro anche questo modello aveva circuiti separati per ogni LED. Certo non si può giudicare un produttore da una sola torcia difettosa. Di Nitecore ne ho avute tante e senza mai avere problemi, da quelle più potenti alle EDC tascabili. Non mi sembrano "cineserie". Basta osservare soluzioni e dettagli costruttivi. Ad esempio è difficile trovare un battery pack così finemente lavorato e progettato come l'NBP68. Chi glielo fa fare alla Nitecore a installare addirittura 10 spinotti di contatto a pressione ognuno con una molla che lo spinge? (vedi foto).Oppure si osservi la fine alettatura di molte torce quali la TM38, la più fine nel settore, non solo bella ma funzionalissima anche se senz'altro più costosa come lavorazione, a confronto con l'alettatura della Acebeam X65. (vedi foto).
A me sembra che Nitecore sia un'azienda vivacissima, composta da gente che lavora con passione e continuo desiderio di innovazione, non a caso ha uno dei cataloghi più nutriti del mercato. A volte certe nuove soluzioni possono piacere ed altre no, ma definire i prodotti Nitecore una "cineseria da 4 soldi" non mi pare oggettivo.

NBP68.png
TM38.jpg
X65.png

aldimeola81
Messaggi: 330
Iscritto il: 26/07/2011, 14:13

Re: Perché Nitecore è Nitecore!

Messaggio da aldimeola81 » 03/01/2019, 22:05

spero di non offendere nessuno e non ho mai detto che Nitecore è cineseria da 4 soldi, certo non è di qualità adeguata ai miei standard.. guarda la zebra che hai nominato poco fa come è fatta dentro e confrontala con quello che hai visto finora, credo che la differenza sia fin troppo evidente per chiunque..

scheda resinata, colla termoconduttiva, componenti miniaturizzati al massimo, ordine, pulizia, fresature anche interne, tolleranze tali da poter montare il vetro con una semplice ghiera a pressione..

http://www.candlepowerforums.com/vb/sho ... isceration!

riguardo al battery pack, nitecore è stata obbligata a mettere quei punti di contatto a molla data la mole di corrente che esce dal battery pack, con pochi punti di contatto si sarebbe rischiato di farli surriscaldare e fondere durante assorbimenti importanti .. preferisco le piazzole della tm38 comunque a quei punti di contatto elastici che durano da natale a capodanno..

Credo che per il collezionista nitecore sia una miniera di modelli e questo conta, tutto è soggettivo, la mia opinione è puramente tecnica da utilizzatore anomalo pesante e vale per quello che vale :anim_32:

Avatar utente
Giancarlo
Messaggi: 803
Iscritto il: 23/06/2013, 17:48
Località: Roma

Re: Perché Nitecore è Nitecore!

Messaggio da Giancarlo » 04/01/2019, 20:01

Siamo oggettivi: l'alternativa a quei 10 punti di contatto nel battery pack di Nitecore non era semplicente mettere meno punti ma, come fanno quasi tutti (vedi ad esempio il battery pack di Acebeam in figura) mettere un solo punto di contatto adeguatamente grande e sicuramente più facile da assemblare. Io francamente mi sento più sicuro con dieci piccoli punti di contatto che con uno soltanto anche se grande.E non vedo proprio il motivo per cui quei 10 punti di contatto dovrebbero durare da Natale a Capodanno. Ne ho 2 di questi battery pack e non mi hanno dato mai problemi anche se probabilmente non sono un "utilizzatore pesante" come te.Comunque scegliere 10 punti di contatto invece che uno dimostra che non si bada a spese e quindi un occhio alla qualità. Io non sono un utilizzatore pesante, sono un artista e quindi cerco in ogni cosa anche l'aspetto estetico, dicasi design, e Nitecore in questo - sempre a mio parere e gusto naturalmente - non ha rivali. Quanto ai circuiti elettronici non ho la competenza per discutere con te che sembri molto più attento ed esperto di me. Ma di Nitecore mi fido abbastanza sulla base della mia esperienza.
Una volta ho chiesto a Vinh Guyen (SkyLumen) perché non modificava mai le torce Nitecore. Mi ha risposto che avevano circuiti troppo complessi. Non ha detto complicati ma complessi, che può significare tutt'altro.
Sono comunque d'accordo con te sulla qualità delle Zebralight. Mi piace molto anche il loro colore e il loro design. È vero anche che smontandole tutto appare di gran qualità. Le Nitecore non le ho mai smontate perché non ne ho avuto motivo. :anim_32:

Rispondi