Consigli per fare ottime recensioni

Qui trovate le recensioni degli utenti
ro.ma.
Messaggi: 6203
Iscritto il: 12/06/2012, 0:40
Località: Genova

Re: Consigli per fare ottime recensioni

Messaggio da ro.ma. » 04/03/2017, 13:07

Aggiungo una cosa che mi sembra importante per delle recensioni e cioè la prova della torcia, sul campo, almeno una settimana prima di stilare le impressioni. Nella prova andrebbero incluse anche la caduta e la tenuta all'acqua o almeno alle pozze d'acqua. Queste prove se positive, oltre naturalmente il funzionamento regolare della torcia, sarebbero molto di aiuto all'acquisto della stessa. :)
-------------------------------------------------------

few218
Messaggi: 4296
Iscritto il: 29/11/2014, 9:48
Località: LT

Re: Consigli per fare ottime recensioni

Messaggio da few218 » 04/03/2017, 13:20

ro.ma. ha scritto:Aggiungo una cosa che mi sembra importante per delle recensioni e cioè la prova della torcia, sul campo, almeno una settimana prima di stilare le impressioni. Nella prova andrebbero incluse anche la caduta e la tenuta all'acqua o almeno alle pozze d'acqua. Queste prove se positive, oltre naturalmente il funzionamento regolare della torcia, sarebbero molto di aiuto all'acquisto della stessa. :)
spesso i recensori regalano, vendono o tengono la torcia per se per riusarla magari come paragone con torce future, per questioni estetiche le torce devono rimanere integre!

A mio avviso le prove da cadute non dovrebbero quindi essere fatte, occorrerebbe una seconda torcia che si sacrifichi per l'occasione!

Tu acquisteresti una torcia, a un buon prezzo, da un recensore che l'ha "rovinata" solo per fare le prove da caduta?

ro.ma.
Messaggi: 6203
Iscritto il: 12/06/2012, 0:40
Località: Genova

Re: Consigli per fare ottime recensioni

Messaggio da ro.ma. » 04/03/2017, 14:47

few218 ha scritto:
ro.ma. ha scritto:Aggiungo una cosa che mi sembra importante per delle recensioni e cioè la prova della torcia, sul campo, almeno una settimana prima di stilare le impressioni. Nella prova andrebbero incluse anche la caduta e la tenuta all'acqua o almeno alle pozze d'acqua. Queste prove se positive, oltre naturalmente il funzionamento regolare della torcia, sarebbero molto di aiuto all'acquisto della stessa. :)
spesso i recensori regalano, vendono o tengono la torcia per se per riusarla magari come paragone con torce future, per questioni estetiche le torce devono rimanere integre!

A mio avviso le prove da cadute non dovrebbero quindi essere fatte, occorrerebbe una seconda torcia che si sacrifichi per l'occasione!

Tu acquisteresti una torcia, a un buon prezzo, da un recensore che l'ha "rovinata" solo per fare le prove da caduta?
Be io non guardo l'aspetto economico, non mi interessa. Se fare recensioni diventa un fattore economico allora è un'altro discorso; ma penso che la torcia sia stata mandata prima di tutto per testarla e non per rivenderla.
In giro per il web ho visto, sporadicamente, prove di caduta e di tenuta stagna e la cosa che lascia perplesso è il non conoscere chi l'ha fatta. Altro discorso sarebbe se la prova viene fatta da qualcuno che conosci come potrebbe essere un utente del forum.
E' poi importante fargli fare il rodaggio per qualche giorno con un bel pò di "clic" per vedere come si comporta.
-------------------------------------------------------

Avatar utente
P.P.
Messaggi: 19696
Iscritto il: 15/12/2011, 18:05

Re: Consigli per fare ottime recensioni

Messaggio da P.P. » 03/05/2017, 15:42


V
edendo alcune recensioni straniere ci si rende conto che usando date posizioni tra torcia ed angolo
+ distanza di scatto queste possono dare molto meno l'idea del fascio luminoso di un modello, della
sua portata in allungo e delle caratteristiche generali come il tipo di spill a terra o la sua diffusione laterale :


Ad esempio... prendiamo questa foto :o :


Immagine


Sopra si nota che il fascio luminoso è ripreso da dietro la torcia, in più molto vicino al cavalletto / trespolo
e pertanto... oltre a non vedere dove e come finisce lo spill a terra... :roll: la luminosità del cono che la luce crea
davanti alla lente - incontrando l'umidità ambientale - praticamente brucia un po' lo scatto ed a seguito la sensibilità
dell'osservatore ( noi che vediamo le foto ).



Vediamo ora questa foto :


Immagine


Sopra si nota che, essendo lo scatto disassato rispetto alla fonte luminosa, in più essendo stato ripreso da lontano
( ca. 2 metri dal cavalletto ) dà modo di capire abbastanza bene come e dove stia lo spill a terra, inoltre che distanza
ad occhio la luce tocchi verosimilmente nell'allungo ( target a tot metri segnalati ).



Si, ma quali altri riferimenti abbiamo per capire le dimensioni di case ed oggetti ? Sarà utile mettere delle cifre o,
...se proprio vogliamo fare i pignoli, possiamo ( tempo + voglia + libertà permettendo ) mettere un manichino
a distanza tanto a dire : << là a quella distanza una persona si vedrebbe così >>. Creare un manichino è semplice :
basta una tuta da lavoro di carta ( stile Tyvek ) e due bastoni messi a croce - oppure un treppiedi fotografico richiudibile e
particolarmente alto - : il manichino-spaventapasseri bianco è fatto : non teme l'acqua né il peso del trasporto.


Immagine

Immagine
http://www.cpfitaliaforum.it/phpbb/view ... Giovannino


Ulteriori consigli ( alcuni ovvii ) che possono interessarci ancora sono, ad esempio :


- Non scattare foto con la nebbia o l'acqua piovana : le foto risulteranno sfocate e piene di elementi di disturbo
tra cui un bagliore di ritorno esagerato << alla Darth Vader >> ;

- Mettere lo spot parallelo alla strada / terreno : se colpisce porzioni di area vicine a terra lo scatto non permette
di capire quale sia il tiro della torcia ;

- Un minimo di bilanciamento del bianco nelle macchine fotografiche è raccomandabile, tanto da non generare colori
anormali ed inverosimili nel fascio luminoso ;

- La torcia deve avere batterie cariche, lo scatto va fatto nei primi secondi dalla prima accensione, sennò il tempo ed i
possibili cut-off genereranno cali di potenza anche importanti ;

- Regolare l'apertura del diaframma / gli ISO ecc. aiuta a scattare foto verosimili con le potenze che noi ad occhio
percepiamo per davvero nel posto illuminato. Una errata regolazione porterà a scurire troppo o far risaltare troppo
la luce, che ora scompare o risulta troppo viva ;

- Per focalizzare il target sulla distanza occorre sempre una fonte di luce potente, nella notte : si può allora sparare
con una torcia da tiro luce sul target, impostare la machina fotografica di modo che " veda " per i prossimi scatti quella
distanza, poi scattare le foto con la torcia in oggetto che vogliamo recensire ;

- Le fotografie devono essere fatte non in presenza di luci come lampioni, aree illuminate ecc. , sennò quella luce inquina
ed altera la percezione del fascio luminoso della torcia che vogliamo descrivere fotograficamente.




:anim_32:
...Sentire la luce scorrere nelle proprie vene...

Avatar utente
P.P.
Messaggi: 19696
Iscritto il: 15/12/2011, 18:05

Re: Consigli per fare ottime recensioni

Messaggio da P.P. » 05/05/2017, 8:45


U
n altro consiglio che mi sembra interessante suggerire è quello di valutare l'ambiente d'uso
e le caratteristiche che un modello dà, tanto a capire cosa sia quella torcia, cosa dia, in che
ambiente d'uso lo possa fare.

Per fare un esempio... un trattore va bene nei campi e nel prato, una Porsche va alla grande
in autostrada : sarebbe ridicolo usare un trattore in autostrada e la Porsche tra zolle di terra
in un campo arato : sarebbero entrambi veicoli che danno dei risultati al più mediocri.

Questo banale paragone per dar l'idea che se una torcia è genericamente intesa a dare " aiuto "
in condizioni " tuttofare " va valutata per questo suo aspetto ( sia essa angolare, lineare, frontale
od altro ) mentre se è di nicchia o se è votata ad un uso semi-specialistico lì è il suo terreno d'azione
e lì chiede di essere " messa alla prova " ( es. : una torcia da sub è praticamente inutile usarla
fuori l'acqua anche perché sott'acqua, ad esempio, certe tinte spariscono e se la luce fuori d'acqua
può essere perfino vista rossastra e strana ad occhio... in acqua può divenire " il meglio del meglio "
perché perderà la contaminazione rossa, divenendo un bel Neutral White ). Lo stesso dicasi per le
torce da tiro, per le portachiavi e per il resto :segreto: .

Questo discorso l'ho scritto perché talora in una rece non si segnala - o non si ragiona sempre - sul tipo
di qualità che la torcia ha come innate, da cui nasca l'apprezzamento per un uso particolare ( ecco che
il paragone tra altre dello stesso contesto avrà più senso e spessore, anche in un raffronto di dimensioni,
U.I. e alimentazione / regolazione ).
...Sentire la luce scorrere nelle proprie vene...

Avatar utente
P.P.
Messaggi: 19696
Iscritto il: 15/12/2011, 18:05

Re: Consigli per fare ottime recensioni

Messaggio da P.P. » 10/05/2017, 10:10


U
n'altra piccola cosa che mi sembra importante, nelle recensioni in genere :o : banalmente
parlando... una torcia vien immessa sul mercato e la Casa Costruttrice rilascia certe foto che
sono indicative della forma ma - di solito - non sempre delle dimensioni in generale, tanto che
ci si può confondere un poco trovando in rete scatti di torce nuove senza paragoni dimensionali.

Una Thrunite TN42 magari la si pensa simile ad una Manker U21, poi, a conti fatti... si vede, dal vivo,
che la seconda ha volume pari a un terzo della prima, con metà peso :lol: .

Ecco che nelle foto di una rece andrebbe conteggiata anche questa cosa : ai fini pratici ( di porto, di
uso e nel porla in mano ) come sono le dimensioni ? Ci sono difetti evidenti o al contrario dei pregi nel
maneggiarla ?

Per dare un'idea a chi legge la nostra recensione basta quindi prendere una torcia tattica in generale
( 1x 18650 ) e qualche altro modello facilmente posseduto da più persone, inoltre alcuni oggetti di uso
comune e metter il tutto a fianco della torcia : al più anche modelli similari per categoria. Così gli scatti
ci possono dare una sommaria idea delle dimensioni reali, comparando le torce tra loro. Tener poi in
mano la torcia e fotografare come sta imbracciata darà l'idea reale della sua grandezza.
...Sentire la luce scorrere nelle proprie vene...

Rispondi