Recensione Emisar dual channel D4K 21700 EDC

Qui trovate le recensioni degli utenti
Avatar utente
AlVescu
Messaggi: 1852
Iscritto il: 24/12/2018, 17:25
Località: Gattinara (VC)

Recensione Emisar dual channel D4K 21700 EDC

Messaggio da AlVescu » 10/02/2024, 14:24

Sono sempre rimasto affascinato dalla luce, portatrice di vita e di bellezza.
Inizialmente come spettatore, ma poi, crescendo, ho capito che la potevo anche manipolare, gestire e piegare alle mie esigenze.

Certo, nelle piccole cose ed entro i limiti dei mezzi a disposizione di un comune hobbista.

Così ho iniziato precocemente ad impressionare pellicole fotografiche nel tentativo di congelare la luce riflessa dai soggetti di interesse e a maneggiare emettitori portatili che da giovane chiamavo ‘pile’.

Con le torce elettriche di questo secolo si possono fare meraviglie in termini di potenza e di naturalezza della luce prodotta, però a me, sempre sopita, è rimasta la nostalgia di dell’atmosfera creata dalle lampadine ad incandescenza in casa dei nonni, ma per alcuni anni, anche a casa mia.
Luce fioca, caldissima ma non voluta, dovuta invece all’esigenza di non spendere:
“La corrente costa!”

Per capriccio e non per esigenza, ho comprato questa Emisar dual channel, chiedendo a Hank di montarmi due LED Nichia E21A 2000 K su di un canale ed altri due identici con temperatura 4500 K sull’altro (del resto l’emettitore non andrebbe d’accordo con gli altri disponibili in fase di configurazione).
Avrei potuto sceglierli tutti e quattro con emissione 2000 K, ma perché rinunciare a poterli miscelare?
Anche in considerazione del fatto che due soli LED accesi mi sarebbero bastati.
La mia priorità era ed è la temperatura di colore, non la potenza.

Ci sono voluti solo 8 giorni per stringere tra le mani la Emisar dual channel D4K 21700 EDC.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

La prima cosa che ho notato, sono le dimensioni.
Sapevo che nonostante alloggiasse una 21700 (non compresa come sempre) sarebbe stata solo un po’ più lunga della sorella, piccola di suo, che monta invece una 18650, ma affiancate i 6 mm di differenza misurati si notano poco, così come i 5 rispetto alla Noctigon KR4 quad tail.
Nelle immagini successive si vede palesemente la differenza delle lenti TIR. Quella della D4K in recensione è proprio così: la granulosità non è dovuta alla sensibilità eccessiva del sensore della fotocamera e nemmeno al troppo ingrandimento.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

La Noctigon KR4, con i suoi 4 SST20 2700 K 95 CRI produce un fascio davvero potente e caldo, ma non quanto desideravo.
Ovviamente mi riferisco alla temperatura.
Stessa cosa per la Sofirn IF25 (quella senza la A) con 4 emettitori Luminus SST-20 (2x 2.700 K e 2x 6.500 K), dove però i primi due mi sembrano leggermente più caldi rispetto a quelli della Noctigon.

Nelle due immagini che seguono ho impostato ad occhio la stessa luminosità per le tre torce, ma a fare la differenza è stato lo sfondo:
grigio neutro per la prima, bianco puro la seconda.
In tutte, anche le successive, la fotocamera è stata privata di ogni automatismo, autofocus compreso, e il bilanciamento del bianco assicurato a 5700 K.

Immagine
Immagine

La Emisar dual channel presenta il solito brulicare di LED RGB ausiliari in testa, ma anche (a richiesta) nello switch.
I giochi di luce e l’intensità luminosa sono programmabili e viaggiano di pari passo, ma nella prossima gif ho volutamente scompigliato il tutto affiancando istantanee diverse.

Immagine

C’era però qualcosa che non mi quadrava.
La versione di Anduril a cui mi ostinavo fare riferimento era sì la seconda, ma non la release più aggiornata, dove invece i 3C da accesa non gestiscono lo smooth/stepped ramp, ma la selezione dei canali.
Le differenze non si fermavano qui, per cui ho scritto ad Hank di Emisar/Noctigon, che come sempre mi ha risposto nel giro di poche ore indicandomi la release appropriata, quella di ottobre 2023.
Allo stesso tempo, il buon occhiodifalco si è generosamente offerto di mettere mano alla traduzione e stesura della release più recente, quella di dicembre, e compatibilmente con i suoi impegni pubblicarla sul forum.

Immagine
Immagine

Le misurazioni successive sono state effettuate in modalità turbo, con il sensore esattamente ad un metro di distanza in modo tale che i lux corrispondano alle candele, consentendo così la misurazione del tiro, cioè rispettivamente 99.4, 94.3, 84.5 metri, sempre associati ad un CRI di tutto rispetto.

Immagine
Immagine
Immagine

Le ultime immagini che propongo evidenziano una situazione recepita dall’occhio elettronico ma poco dal mio: i soggetti illuminati con temperatura 3123 K appaiono sovraesposti semplicemente perché i LED accesi sono il doppio, per cui la fotocamera ottimizzata sul primo fotogramma (4639 K) e caldamente invitata a non azzardarsi a modificare qualche parametro, ha reagito così.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Allo stesso modo pare sottoesposto il frame dove ad irradiare sono i due LED più caldi, ma vi garantisco che dal vivo, per quanto innaturale, quella luce è di una bellezza seducente.

Avatar utente
Clipper
Messaggi: 131
Iscritto il: 23/07/2021, 13:48

Re: Recensione Emisar dual channel D4K 21700 EDC

Messaggio da Clipper » 10/02/2024, 15:01

Bella recensione, molto interessante la possibilità di poter montare ed utilizzare indifferentemente led diversi; grazie. :ok:

Avatar utente
AlVescu
Messaggi: 1852
Iscritto il: 24/12/2018, 17:25
Località: Gattinara (VC)

Re: Recensione Emisar dual channel D4K 21700 EDC

Messaggio da AlVescu » 10/02/2024, 18:34

Grazie a te per averla letta.
In effetti la configurazione offre davvero un gran numero di opportunità.
Non lo sottolineo per te che sei esperto, ma a beneficio del lettore di passaggio.
Oltre a spuntare le opzioni eventualmente desiderate, aprendo le cinque tendine si possono scegliere:

5 colori del corpo
la corona dello switch a filo o pronunciata
7 colori di retroilluminazione dello switch + RGB
32 LED diversi sul primo canale
31 sul secondo

Nel mio caso le ultime due scelte erano limitate a quattro temperature per il fatto che gli E21A sono compatibili solo tra di loro (driver specifici), ma lo dico per il neofita che potrebbe temere di fare pasticci e rinunciare: sbagliare è impossibile.
... anche perché c'è chi provvede a segnalarlo.

Avatar utente
Clipper
Messaggi: 131
Iscritto il: 23/07/2021, 13:48

Re: Recensione Emisar dual channel D4K 21700 EDC

Messaggio da Clipper » 10/02/2024, 18:47

AlVescu ha scritto:
10/02/2024, 18:34
Non lo sottolineo per te che sei esperto, ma a beneficio del lettore di passaggio.
Ti ringrazio per la considerazione, ma mi considero tutto fuorchè esperto :facepalm:
AlVescu ha scritto:
10/02/2024, 18:34
Grazie a te per averla letta.
In effetti la configurazione offre davvero un gran numero di opportunità.
Non lo sottolineo per te che sei esperto, ma a beneficio del lettore di passaggio.
Oltre a spuntare le opzioni eventualmente desiderate, aprendo le cinque tendine si possono scegliere:

5 colori del corpo
la corona dello switch a filo o pronunciata
7 colori di retroilluminazione dello switch + RGB
32 LED diversi sul primo canale
31 sul secondo

Nel mio caso le ultime due scelte erano limitate a quattro temperature per il fatto che gli E21A sono compatibili solo tra di loro (driver specifici), ma lo dico per il neofita che potrebbe temere di fare pasticci e rinunciare: sbagliare è impossibile.
... anche perché c'è chi provvede a segnalarlo.
E' già un po' che le punto le Emisar, se solo fossero anche su Amazon probabilmente ne avrei già presa una, ma ho ancora un po' di buoni da"smaltire" :asd:
Ora però che ho "scoperto" che si possono abbinare due tipologie di led diversi, ho una spinta in più. :ok:

Avatar utente
AlVescu
Messaggi: 1852
Iscritto il: 24/12/2018, 17:25
Località: Gattinara (VC)

Re: Recensione Emisar dual channel D4K 21700 EDC

Messaggio da AlVescu » 10/02/2024, 20:07

Ci sono anche le versioni con tre canali:
alluminio
titanio
rame
:moneygoodbye:

Avatar utente
Clipper
Messaggi: 131
Iscritto il: 23/07/2021, 13:48

Re: Recensione Emisar dual channel D4K 21700 EDC

Messaggio da Clipper » 10/02/2024, 20:17

Già, con Anduril, a volte mi perdo con uno ... :spekkio:
Ecco, piuttosto, mi piacerebbe che invece mettessero delle illustrazioni per far percepire meglio le differenze (interruttore incassato o no, bezel diverso, ottica flood etc).

Avatar utente
Clipper
Messaggi: 131
Iscritto il: 23/07/2021, 13:48

Re: Recensione Emisar dual channel D4K 21700 EDC

Messaggio da Clipper » 10/02/2024, 20:42

AlVescu ha scritto:
10/02/2024, 20:07
Ci sono anche le versioni con tre canali:
Per curiosità, come fanno con tre canali? Se non ho capito male, con i due canali hai 2 led su un canale e due sull'altro, o sto sparando una ****ta?
Se è così, avendo quattro led, come si compongono i 3 canali?

Avatar utente
AlVescu
Messaggi: 1852
Iscritto il: 24/12/2018, 17:25
Località: Gattinara (VC)

Re: Recensione Emisar dual channel D4K 21700 EDC

Messaggio da AlVescu » 10/02/2024, 21:48

Hai capito correttamente come funziona con 2 canali.
Con 3, semplicemente il primo gestisce 2 LED uguali, e gli altri, uno ciascuno.
Immagine

Avatar utente
Clipper
Messaggi: 131
Iscritto il: 23/07/2021, 13:48

Re: Recensione Emisar dual channel D4K 21700 EDC

Messaggio da Clipper » 11/02/2024, 0:18

Wow, grazie, molto molto interessante, ci si può sbizzarrire bene.
:scimmia:

Avatar utente
AlVescu
Messaggi: 1852
Iscritto il: 24/12/2018, 17:25
Località: Gattinara (VC)

Re: Recensione Emisar dual channel D4K 21700 EDC

Messaggio da AlVescu » 11/02/2024, 10:13

Clipper ha scritto:
10/02/2024, 20:17
Ecco, piuttosto, mi piacerebbe che invece mettessero delle illustrazioni per far percepire meglio le differenze (interruttore incassato o no, bezel diverso, ottica flood etc).
In realtà, scorrendo le immagini di alcuni modelli, la storia dell'interruttore incassato viene illustrata.
Lo switch è sempre allo stesso posto, è il bordo ad essere rialzato.

Immagine

Per quanto riguarda i bezel, lenti, MCPCB (Metal Core Printed Circuit Board), clip, tubi ed altro, compreso il reflashing kit per l'aggiornamento firmware delle D4V2/D4SV2/KR4 e modelli successivi, occorre selezionare "components".

Rispondi